LA GIOIA DELLE PICCOLE COSE IN UNA GRANDE STORIA NE “IL PANE SOTTO LA NEVE” DI VANESSA NAVICELLI

Libro in 3D_formato leggero

Il pane sotto la neve è un romanzo bellissimo, scritto dall’autrice piacentina Vanessa Navicelli, opera che è stata finalista nel concorso letterario Rai La Giara, anno 2012, nella sua prima edizione.

Quasi cinquant’anni di storia italiana (dagli inizi del ‘900 al 1945) attraversano questo libro, con le gioie ed i dolori dei suoi appassionati protagonisti, attori di questo romanzo corale dove nessun uomo è un’isola, ma tutti sono perfettamente interfacciati nelle tre generazioni a cui appartengono: quella dei nonni, quella dei figli e dei nipoti.

Nel romanzo, che è il primo de La saga della Serenella, si raccontano le fatiche del lavoro ed i suoi frutti, di quel pane sotto la neve che sempre si ritrova, come se fosse custodito alla stregua di un tesoro, perché il lavoro duro porta sempre i suoi buoni risultati e, come un detto contadino popolare esprime, quei germogli di grano che di inverno riposano sotto la neve, in primavera daranno sempre il pane, quel pane da cui si ricaveranno sostentamento e vita.

E in questa storia c’è anche l’amore, in tutte le sue forme, dove è amore appunto anche quello per il lavoro e per la propria terra, la patria per la quale si combattono la prima come la seconda guerra mondiale, delle quali si narra attentamente in questa storia e quella stessa patria per cui si fa la Resistenza e si diventa partigiani.

C’è un pezzo di storia, in questo libro, che nessuno di noi dovrebbe mai dimenticare, per poter crescere e per potere migliorare la propria persona, un pezzo di storia popolata da varia umanità di personaggi che entrano nei nostri cuori con facilità, per rimanervi, come fotografie di un’epoca che non c’è più.

E la serenella, per intenderci il fiore di lillà, è poi sempre presente, come a voler incarnare la sottile speranza che aleggia sempre nelle vicende umane che l’autrice ci racconta, una speranza che vince anche in mezzo alle difficoltà maggiori.

L’ambientazione è in Emilia Romagna, un’Emilia quasi senza tempo, nella sua zona ai confini con la Lombardia, eternamente cristallizzata come ci appare nell’amore per quei figli a cui ha dato i natali, laddove anche quando hai il cuore a pezzi trovi la forza ed il coraggio necessari a continuare.

Ne Il pane sotto la neve si celebrano la semplicità e la gioia che si ricava dalle piccole cose, oltre all’amore, la bontà d’animo e la sincerità di valori validi in eterno e che oggi dovrebbero tornare e che oggi, ci auguriamo, possano tornare.

ILARIA GRASSO

LINK PER L’ACQUISTO:

SEGNALAZIONE: “IL PANE SOTTO LA NEVE” DI VANESSA NAVICELLI

Libro in 3D_formato leggero

Editore: CreateSpace Independent Publishing Platform

Categoria: Narrativa storica, saga familiare

Collana: Saga della Serenella

Lingua: italiano

Copertina: flessibile

Formato: 14 x 21.60 cm

Pagine: 254

Prezzo: € 9,99 (Acquistabile solo online, su Amazon)

Prima edizione: 24 Novembre 2017

Versione ebook: € 2,99 su Amazon. Disponibile in tutti i migliori store online

*******

Torniamo all’antico, sarà un progresso!”

Giuseppe Verdi

*******

Romanzo finalista nazionale al Premio Letterario RAI “La Giara” 2012 – Prima Edizione

Il pane sotto la neve è un romanzo di narrativa popolare, ambientato “da qualche parte sulle colline dell’Emilia, al confine con la Lombardia, dove la provincia di Piacenza abbraccia la provincia di Pavia.”

È la saga di una famiglia contadina dai primi del ’900 fino alla primavera del 1945.

Si racconta della prima guerra mondiale, della fatica del lavoro in campagna, delle figlie che crescono e si fidanzano. Dell’arrivo della seconda guerra mondiale, della Resistenza. E dei nipoti: chi parte soldato, chi diventa partigiano.

Un mondo e una felicità fatti di piccole grandi cose. Tra politica e apparizioni della Madonna, canzoni degli alpini e orgoglio partigiano, la musica di Verdi e le passeggiate lungo il Po, innamoramenti inattesi e le gare ciclistiche di Bartali e Coppi, le recite di Natale in parrocchia e un bicchiere di vino all’osteria.

Per ricordare le nostre radici. Chi siamo e quanto ci è costato arrivare fin qua.

Un romanzo sulla famiglia e per tutta la famiglia.

Un romanzo “trasversale”, che si rivolge sia agli adulti che ai ragazzi.


Una di quelle storie che si raccontavano una volta, attorno al fuoco, tutti assieme (bambini

compresi). Qualcosa da condividere.

Il linguaggio è semplice ed essenziale, come lo è la gente di cui si racconta.

Molte cose sono vere. Molte altre sono verosimili.

Ci sono parti drammatiche e parti umoristiche. Come nella vita.

Questo romanzo è il primo della Saga della Serenella.

La serenella (o lillà) è un fiore semplice e profumatissimo. È il mondo contadino, la famiglia, la

primavera dell’anima. È il simbolo di ciò che è buono e vero. Di un mondo pulito e schietto.

Ma tutto questo lo potrete capire, veramente, solo leggendo le storie della gente nata là, sulle

colline al confine tra Emilia e Lombardia, nella terra dove cresce la serenella.

La libertà, per ora, riposa sotto la neve.

Ma arriverà la primavera… e non sarà solo il grano a germogliare.”

N.B. Ogni romanzo della saga è pensato per poter essere autonomo e completo

anche individualmente.

*****

Dove acquistarlo: https://www.amazon.it/dp/1979994218 (Amazon)

Pagina dedicata al romanzo: http://vanessanavicelli.com/pane-neve/

Pagina dedicata alla saga: http://vanessanavicelli.com/saga-serenella/

*****

Autrice

Vanessa Navicelli è nata in provincia di Piacenza, ma da anni vive a Pavia.

È cresciuta coi film neorealisti italiani, con le commedie e i musical americani, coi cartoni animati giapponesi, coi romanzi dell’Ottocento inglese e coi libri di Giovannino Guareschi. (Be’, sì… anche

coi suoi genitori.)

Nel 2012 con il suo romanzo “Il pane sotto la neve” è stata finalista della prima edizione del Premio Letterario “La Giara”, indetto dalla RAI. Scelta come vincitrice per l’Emilia Romagna.

Ha vinto la sezione “Scritture per Ragazzi” dello Scriba Festival di Carlo Lucarelli e vari premi con la Scuola Holden di Alessandro Baricco. Il Premio Cesare Pavese per la poesia e il Premio Giovannino Guareschi per racconti.

Ha una conoscenza discreta di Inglese, Piacentino, Pavese.

Quando passa la banda musicale di paese, si commuove; sia che suoni Bella ciao, o La canzone del Piave, o La bella Gigogin.

Ha un enorme cane bianco e nero, Angelo (70 kg di puro affetto), che le vuol bene nonostante tutti i suoi difetti. Mica poco…

Scrive romanzi per adulti e ragazzi; e storie per bambini.

Quando scrive, cerca di tenere presente quattro cose: la semplicità, l’empatia, l’umorismo, la voglia vera di raccontare una storia.

Crede nella gentilezza. E nell’umorismo. (Forse è umoristico credere nella gentilezza…)

Frank Capra diceva: “Con humour e affetto si favoriscono, a mio avviso, i buoni istinti. Sono un tonico per il mondo intero.” Lo sottoscrive.

È convinta che dal bene nasce il bene. E le piace raccontarlo.

Ha pubblicato due libri per bambini.

Nel 2014 “Un sottomarino in paese” (ebook e cartaceo, italiano e inglese), fiaba illustrata sul tema della pace.

Nel 2016 “Mina e il Guardalacrime” (solo cartaceo), che inaugura la collana delle Fiabe Bonbon.

È cresciuta con persone che, pur cercando di scherzarci su, nella loro giovinezza hanno sperimentato cosa fosse la povertà vera.

È cresciuta in un minuscolo paesino emiliano dove ancora oggi ben pochi anziani sanno cos’è il lillà, ma tutti sanno cos’è la serenella. E lei lo trova stupendo.

*****

Contatti

Sito web: http://www.vanessanavicelli.com

Facebook: http://www.facebook.com/VanessaNavicelliAutrice

Pinterest: http://www.pinterest.com/VaneNavicelli

Instagram: https://www.instagram.com/vanessa_navicelli/

Twitter: http://www.twitter.com/Vane_Navicelli

Youtube: http://www.youtube.com/user/vanessanavicelli/about

Google+: google.com/+VanessaNavicelli

Incontro con la scrittrice Vanessa Navicelli

7

Vanessa Navicelli è nata in provincia di Piacenza, ma da anni vive a Pavia.

È cresciuta coi film neorealisti italiani, con le commedie e i musical americani, coi cartoni animati giapponesi, coi romanzi dell’Ottocento inglese e coi libri di Giovannino Guareschi. (Be’, sì… anche coi suoi genitori.)

Crede nella gentilezza. E nell’umorismo. (Forse è umoristico credere nella gentilezza.)

È stata finalista del Premio Letterario “La Giara” per romanzi inediti, indetto dalla RAI nel 2012; rappresentante e vincitrice per la regione Emilia Romagna.

Ha vinto la sezione “Scritture per Ragazzi” dello Scriba Festival di Carlo Lucarelli e vari premi con la Scuola Holden di Alessandro Baricco. Il Premio Cesare Pavese per la poesia e il Premio Giovannino Guareschi per racconti.

Scrive romanzi per adulti e ragazzi; e storie per bambini.

Quando scrive, cerca di tenere presente quattro cose: la semplicità, l’empatia, l’umorismo, la voglia vera di raccontare una storia.

Ho incontrato Vanessa Navicelli per conoscerla meglio e ne è nata una bellissima e assai piacevole chiacchierata.

Illustrazione - Un sottomarino in paese

Ciao Vanessa, benvenuta sul mio blog LIBERI LIBRI E NON SOLO: come mai, la scelta di scrivere favole, favole per bambini?

Ciao Ilaria, grazie per l’accoglienza! Dunque, dunque. Perché le fiabe.

Una delle cose più belle delle fiabe è che, grazie alla loro semplicità, arrivano dirette a tutti. E in più, anche se il target principale è quello dei bambini… cosa succede? Succede che spesso i genitori leggono la storia assieme ai loro figli. Ho detto genitori, ma vale anche per nonni, zii, amici, insegnanti, ecc. Così facendo, è come se ripassassero un po’ anche loro – gli adulti – certe idee. E in più le rielaborano attraverso gli occhi dei bambini. (Il mondo com’è attraverso gli occhi dei bambini è qualcosa che vale davvero la pena di essere ricordato.)

Quanto credi che abbiamo bisogno di favole, al giorno d’oggi, noi adulti?

Tantissimo. Credo ne abbiamo bisogno più noi dei bambini. E oggi più che mai.

Viviamo un’epoca non semplice. Disillusioni, precarietà, frustrazioni.

La fantasia, i sogni possono essere una grande salvezza. Darci ancora un senso di futuro, speranze.

In più (e questo vale per tutte le epoche), a un certo punto, crescendo, si scopre che difficilmente capiterà di incontrare – fisicamente – fate e altri esseri magici; ma è importante continuare a credere in quello che rappresentano.

Il crederci rende la vita migliore, anche da adulti. Soprattutto da adulti.

UnSottomarinoInPaese_copertina

 

Parliamo di “Un sottomarino in paese”, la prima fiaba che hai pubblicato, nel 2014: com’è nata questa idea?

La storia è quella di un Capitano di un piccolo sottomarino che, avendo fatto guerre per tutta la sua vita e non sapendo stare senza, nel momento in cui si trova senza guerre “ufficiali” da combattere, decide di inventarsene una tutta sua. Spinge il suo sottomarino fin nella piazza centrale di un paese di collina e dichiara una guerra surreale (a colpi di pasticcini) agli abitanti.

Io, come tanti altri, ho sempre avuto la convinzione che le guerre non risolvono problemi ma ne creano di nuovi. Peggiorano sempre le cose. Quando scoppia una guerra, perdiamo tutti, già in partenza.

Così ho pensato: voglio raccontare di un Capitano di un sottomarino che non sa stare senza fare la guerra, anche quando di guerre non ce ne sono. Un Capitano così matto da non chiedersi nemmeno se c’è o no un motivo per attaccare; l’importante è iniziare a combattere, poi il motivo lo si troverà!

Il sottomarino mi è venuto subito in mente perché il messaggio centrale della mia storia è che la guerra è una cosa da matti, senza senso. E cosa c’è di più insensato di un sottomarino che, invece di starsene in mare, si trova nella piazza di un paesino di collina? Vedi, il punto era questo: dare subito l’idea della follia della guerra con un’immagine.

Avevo già scritto un racconto sulla guerra per adulti. Volevo scrivere qualcosa per i bambini, perché loro sono la nostra speranza. E per pensare alla pace ce ne vuole tanta, di speranza.

La dedica all’inizio del libro racconta in due righe quello che è il fulcro di tutto.

Dedicato ai bambini. E a quegli adulti che proveranno sempre a rendere il mondo un posto migliore.”

[“Un sottomarino in paese” esiste anche in lingua inglese, ‘A Submarine in the Village’ – sia ebook che cartaceo.]

Quanto pensi sia importante insegnare la pace, ai bambini?

Penso sia fondamentale. La pace andrebbe seminata davvero da subito nei bambini, in modo che, mentre crescono, possa germogliare e crescere con loro.

Non dovrebbe esistere il concetto di “è troppo piccolo”. In base all’età, bisogna cercare il modo migliore, più adeguato per affrontare un argomento. Magari, con bimbi davvero piccoli, anche solo per accennarlo, per farlo intuire. Ma bisogna (bisognerebbe…) iniziare subito a insegnare i valori più importanti; la pace come altri. Con le parole, con l’esempio. Con un libro, con un cartone animato. Con una canzone, con un disegno. Guarda, vale tutto! Però va fatto.

Sono molti gli studiosi, gli educatori, gli psicologi evolutivi che sostengono che la fase della vita in cui si gioca tutto quello che saremo va dagli 0 ai 6-7 anni. In quel periodo mettiamo le basi, solide o scricchiolanti, della nostra personalità, della nostra mappa emotiva e affettiva. E, senza rendercene conto, dei nostri valori.

Certo, dai 7 anni ai 100 continuiamo ovviamente a crescere, maturare, imparare cose nuove, cambiare. Altroché! Ma quello che abbiamo assorbito in quei primi anni, nel bene e nel male, tornerà sempre a galla.

Illustrazione - Mina e il Guardalacrime

Parliamo di “Mina e il Guardalacrime”, un libro per i bambini dai 4 anni in su…

E per tutti quelli che hanno un cuore aperto alla magia!

Dunque. Mina (diminutivo di LacriMina) è una piccola lacrima in fuga, perché stanca di portare solo dolore a tutti quelli che incontra.

In cerca di una pozzanghera in cui buttarsi, inizia una storia di viaggio e di scoperta, durante la quale farà incontri strabilianti e bizzarri. Intanto, il saggio Guardalacrime, che è appunto un guardiano addetto al conteggio e alla cura delle lacrime, si mette alla sua ricerca e… La ritroverà?

Questa è una storia che affronta il tema delle emozioni e che ci ricorda quanto sia importante non fermarsi alle apparenze. Imparare ad apprezzare se stessi e i propri talenti. Confidarsi con chi ci vuol bene.

Come sempre nelle storie che scrivo, cerco di far sì che ci siano piani di lettura diversi a seconda delle età (anche per gli adulti, sì). L’importante è che a chiunque legga possa restare qualcosa.

Mina e il Guardalacrime” inaugura anche la collana delle Fiabe Bonbon. Fiabe buone, di nome e di fatto. Piccole e dolci come i bonbon.

Magia, poesia e tenerezza (a volte un pizzico di umorismo) sono le caratteristiche di queste storie, che possono far leva anche su lettori più adulti.

Si sa: un bonbon tira l’altro. Ecco perché a questa prima fiaba ne seguiranno molte altre.

Ho cercato di creare un mondo soffice, in cui il bambino (… o il lettore che sia) possa divertirsi, magari imparare qualcosa.

Mina e il Guardalacrime_COPERTINA

L’importanza di belle illustrazioni, dentro una bella storia…

Le illustrazioni hanno un ruolo fondamentale. Dovrebbero rispecchiare, incarnare lo spirito del testo. Più la simbiosi è profonda, tra testo e illustrazioni, e più il libro è di qualità.

Io sono stata veramente fortunata con i miei due libri, perché in entrambi i casi ho collaborato con illustratrici di grande bravura e sensibilità. Sabrina Borron per “Un sottomarino in paese” e Deborah Henking per “Mina e il Guardalacrime”. Due ragazze fantastiche, non potevo chiedere di meglio (professionalmente e umanamente).

Progetti letterari per il futuro prossimo…

Sto preparando (e lo dico a te in anteprima) il primo romanzo per adulti. Che è già lì a guardarmi da tanti anni. Ma non era ancora il suo momento, ha dovuto aspettare. I suoi personaggi mi girano per casa, nervosi e ansiosi di uscire allo scoperto, di diventare reali.

La prossima fiaba bonbon, invece, dovrebbe uscire per Natale (coma sai bene, dobbiamo fare programmi a lunga scadenza).

Come facciamo a seguirti?

Il social dove sono più attiva è sicuramente Facebook. La mia pagina autore è questa: https://www.facebook.com/VanessaNavicelliAutrice/

Sono anche su Google +, Pinterest e Twitter.

Sul mio sito trovate tutti i contatti social e anche un modulo contatti per scrivermi da lì, se vi va.

www.vanessanavicelli.com

Lascia un messaggio ai nostri lettori…

Ogni bambino che smette di credere è una perdita per tutti. Rende questo mondo un po’ più buio.
Per questo bisogna proteggere sempre i sogni dei bambini (e aiutarli a moltiplicarsi!).
Perché un cuore aperto alla magia e alla fantasia è un cuore puro.
Un cuore che illumina il mondo.”

[dall’Introduzione del libro “Mina e il Guardalacrime”]

Link all’acquisto Amazon per “Mina e il Guardalacrime”: http://tinyurl.com/zke7p4f

Link all’acquisto Amazon per “Un sottomarino in paese”: https://tinyurl.com/z85gy43

 

ILARIA GRASSO