“L’ULTIMA RISATA”, IL NUOVO ROMANZO DI ELENA GENERO SANTORO: SEGNALAZIONE

ULTIMA RISATA_FRONTE

L’ultima risata

Elena Genero Santoro

Genere: narrativa

130 pagine

2,99 euro digitale

15 euro cartaceo

Quarta di copertina

In quella che doveva essere una spensierata vacanza, Futura apprende che a suo padre rimangono poche settimane di vita. Decide pertanto di rimanere presso i genitori per trascorrere con lui l’ultimo periodo. Suo marito Patrick, rientrato a Barcellona per lavoro, deve destreggiarsi tra le avance di un’allieva invadente e i nuovi problemi del suo amico attore Mac. Mentre Giovanni, il fratello di Futura, soffre per il timore di perdere il padre, la sua fidanzata Manuela non disdegna le attenzioni di un nuovo collega che pare essere l’uomo perfetto. Per costruire gli ultimi ricordi col padre, Futura affronterà un percorso a ritroso; le toccherà un inaspettato salto nel passato, tra i frammenti di una famiglia disgregata e un’adolescenza disagiata. Avrà un incontro destabilizzante con il ragazzo che al liceo le aveva rubato il cuore, ma qualcuno la aiuterà a ricomporre i pezzi e le ricorderà che la vita deve essere affrontata con più leggerezza, anzi, con una risata.

Recensione: Era mio padre, di Claudia Saba

claudia-saba

Si intitola “Era mio padre” (Laura Capone Editore) primo libro di Claudia Saba, un libro denuncia, la testimonianza concreta di una ferita interiore che sanguina ancora, nonostante l’inesorabile incedere del tempo, che ha condotto la sua protagonista Sara alias Claudia dall’essere bambina all’essere donna, trasformazione che è avvenuta, però, in modo anomalo, perchè Claudia/Sara non ha ha avuto l’amore destinato ai bambini, le carezze e i giochi infantili.

Claudia/Sara ha incontrato l’orco sui suoi primissimi passi di vita ed ha avuto la sfortuna di incontrarlo nella sua casa, in suo padre, che ha agito, impunemente, per anni, grazie al supporto di una moglie complice in quanto assente: Claudia/Sara è pertanto un’orfana, nonostante i genitori vivano ancora.

Il libro si legge tutto di un fiato ed è una denuncia crudele e al tempo stesso accorata di una tragedia vissuta sulla propria pelle quotidianamente: Claudia scrive in terza persona e si cala nelle fattezze di Sara, ma non c’è confine, in realtà, tra le due figure femminili, che non sono altro che una, la stessa che vive prima il dramma di figlia violata e poi quello di moglie stuprata, vittima di un marito dispotico, una donna che arriva a perdere i figli, per poi riconquistare sè stessa, con una nuova maternità inaspettata, quando la vita le sembra finita, perduta.

“Era mio padre” nasce dalla penna, ma prima ancora, dal cuore, di Claudia Saba, con l’intento preciso di salvare altre donne e bambine da un destino crudele, di donar loro la voce per riuscire a gridare il dolore di anime ingiustamente violate, prima ancora che nel corpo.

La prefazione è affidata a Monica Cattaneo, Presidente Onorario dell’A.I.D.E. (Associazione Indipendente Donne Europee) Nettuno e il libro rappresenta, appunto, un vero e proprio manifesto per tutte le donne che portano le loro ferite interiori in silenzio, nonostante queste sanguinino ancora.

ILARIA GRASSO