IL NUOVO SINGOLO S’INTITOLA “COME GODO SE”: INCONTRO CON LA RAP BAND OVERTURE

overture-foto-2789695400-1580676303748

Il mio incontro con gli Overture per parlare del loro nuovo singolo dal titolo “Come godo” e di tanto altro.

Gli Overture sono una band di Alessandria nata nel 2018. Il gruppo è formato da Davide Boveri (voce), Jacopo Cipolla (basso), Andrea Barbera (chitarra e tastiere), Jacopo Cardillo (chitarra) e Giacomo Martinello (percussioni). Ogni componente della band arriva da mondi musicalmente diversi. Il progetto Overture parte dalle sonorità del Rap Metal per poi svecchiarle e creare un nuovo crossover che tiene come riferimento principale il rap e la trap più moderni e vi accorpa i suoni funk, soul, rock e reggae. L’obiettivo del gruppo è sperimentare nuove sonorità partendo dalle esperienze musicali vicine alle sensibilità dei singoli componenti. Il nuovo singolo degli Overture “Come Godo Se” è uscito nel gennaio 2020.

Come nasce il pezzo “Come godo se” e quanto è volutamente e fortemente provocatorio verso chi lo ascolta?

“Come godo se” se è uno tra i primi progetti inventati in sala prove, è nato circa due anni fa ed è sempre stato un pezzo molto crossover e aggressivo, fatto in gran parte di powerchord distorti e un mood provocante e liberatorio; una volta portata in studio, con la collaborazione della nostra etichetta Noize hills, abbiamo cercato invece di renderla più elegante e moderna ma sempre con un mood trascinante e cercando di trasmettere il messaggio… di non giudicare E ripudiare il comportamento altrui.

 

Nei vostri pezzi, unite generi diversi, forti del fatto di provenire ognuno di voi da mondi musicalmente differenti: quanto ha giovato questa caratteristica alla vostra band?

Abbiamo tutti influenze diverse che trovano però un riscontro comune nel rap, per esempio chi dal rock anni 70, chi dal funky, altri dall’underground anni 90 e dalla trap odierna; questo fatto però può essere un’arma a doppio taglio perché il nostro intento è creare nuove sonorità e sperimentare sempre di più, ma bisogna avere la capacità e l’attenzione di non arrivare a fare qualcosa di già sentito e che soprattutto risulti confuso e disordinato, come se fosse un minestrone di generi musicali che poco c’entrano l’uno con L’altro.

Come godo se sembra un pezzo cattivo ma in realtà non lo è: è piuttosto un brano che invita al risveglio, al raggiungimento della consapevolezza estrema che il nostro vero nemico è il nostro ego e non quello che ci circonda…

Quali sono i vostri progetti futuri?

Come progetti abbiamo un importante passo che faremo tra fine aprile e inizi maggio con l’uscita di un EP composto da 6, fiume in piena, come godo se e altri quattro inediti e il conseguente inizio della stagione estiva che sarà sicuramente piena di live ed esperienze un più diritte con la musica suonata e il pubblico

Quanto è importante per voi suonare in pubblico e stabilire un rapporto di complicità con chi vi ascolta?

Per noi suonare in pubblico è molto importante ed è lo scopo sopratutto per cui abbiamo iniziato il tutto. Abbiamo una grande passione per il suonato vero con strumenti, cosa che ultimamente si è persa molto tra le generazioni odierne.

Proprio per questo motivo, circa un anno fa, appena si era formato il gruppo, abbiamo deciso di organizzare un Quanto è importante per voi suonare in pubblico e stabilire un rapporto di complicità con chi vi ascolta?live acustico privato per soli amici e conoscenti in occasione del compleanno del chitarrista Andrea Barbera; abbiamo invitato circa 50 persone, facendo prima un aperitivo e chiudendo in bellezza con una bella bevuta, è stata un esperienza molto importante perché ci ha fatto capire ciò che volessimo fare davvero nella vita.

Come facciamo a seguirvi?

Ci sono due possibilità per poterci seguire, sul nostro profilo Instagram @overture.official, dove siamo più attivi e pratici e sul profilo Facebook Overture.

Lasciate un messaggio ai nostri lettori…

Per gli ascoltatori, soprattutto quelli più giovani, un consiglio: tutti abbiamo dei problemi e delle difficoltà ma isolarsi e chiudersi in se stesso peggiora solo le cose, bisogna capire ciò che ci fa stare o chi e aprirsi al mondo con voglia di fare e coraggio di osare.

ILARIA GRASSO