“Pappe fatate per principi e principesse” (Edizioni Il Viandante): intervista all’autrice Marina Nunziato

Marina Nunziato 2

Oggi ho incontrato la scrittrice Marina Nunziato, e, nella nostra bella chiacchierata, abbiamo parlato del suo nuovo libro, “Pappe fatate per principi e principesse”, pubblicato da Edizioni Il Viandante. 

Com’è nata l’idea di questo libro?

L’idea di questo libro è nata da una necessità. Ho lavorato per più di 16 anni come assistente in un ambulatorio pediatrico e tra le tante cose mi occupavo dello svezzamento e dell’alimentazione dei bambini. Ho risposto a migliaia di mamme e le ho indirizzate verso un’alimentazione semplice e sana, da qui l’idea del libro che serviva per avere sempre a portata di mano qualcosa che potesse rendere più facile il momento della pappa, ma il libro non è solo un ricettario ci sono favole consigli e interviste fatte ai bambini.

A quale pubblico è rivolto?

‘Pappe fatate per principi e principesse’ è un libro rivolto a tutti, piccoli e grandi proprio perché un’alimentazione giusta è il primo passo verso una vita sana.

Quali sono le finalità?

Le finalità sono molteplici: aiutare le mamme ad affrontare un periodo importante con serenità, fare dell’ora della pappa un momento di condivisione e soprattutto insegnare a rispettare e amare il cibo.

Il ricavato sarà devoluto ai bambini bisognosi: come mai questa scelta?

Il ricavato dei diritti d’autore, come quello di tutti i miei libri, servirà a fornire un pasto completo ai bambini bisognosi e questo perché sono stata a mia volta una bambina con poche risorse e so cosa significa non potersi permettere le cose necessarie.

Cosa significa essere madre, oggi, in un mondo spesso così negativo?

Essere madre oggi spaventa perché si è più consapevoli di qualche tempo fa. Oggi sappiamo tutti di cosa ha bisogno un bambino per crescere e in questo mondo così egoista e frettoloso, serve un tantino di coraggio e un pizzico di incoscienza per mettere al mondo un altro essere umano che avrà bisogno non solo d’amore, ma anche di cose molto materiali. Quindi essere madri oggi significa fare i conti con una realtà che tende a disumanizzarci.

I tuoi prossimi impegni letterari…

All’inizio del 2018 uscirà il mio terzo romanzo e naturalmente parlerà di quell’amore che non si spegne neppure con la morte.

Lascia un messaggio a chi ci legge…

Il messaggio che voglio lasciare ai lettori è questo: “Non bisogna andare lontano per trovare i poveri, spesso essi vivono nell’appartamento accanto al nostro quindi… Teniamo bene gli occhi aperti”. Grazie a tutti!

ILARIA GRASSO

Annunci

Presentazione di “Pappe fatate per principi e principesse” di Marina Nunziato, a Francavilla al Mare (CH)

FRANCAVILLA – Venerdì 21 luglio alle ore 21 il Museo Michetti ospiterà la presentazione del nuovo libro di Marina Nunziato, “Pappe fatate per principi e principesse” (Edizioni IlViandante). Durante la presentazione interverranno, oltre all’autrice, l’editore Arturo Bernava, il prof. Massimo Pasqualone e il dott. Luigi Malandra, pediatra.

Pappe fatate per principi e principesse” è un libro pensato per le mamme e per i loro cuccioli, poiché un sano rapporto con il cibo inizia proprio dallo svezzamento. Le ricette semplici e gli ingredienti gustosi sono un binomio eccellente per fare dell’ora della pappa un momento di gioia. Le favole, i consigli e le interviste fatte ai bambini contenute nel libro accompagnano il lettore e chi ascolta in un mondo fantastico. Questo piccolo manuale vuole essere un aiuto prezioso per le neo mamme e per tutta la famiglia. Ricordiamoci che mangiamo per vivere, non viviamo per mangiare. E allora prendiamo i cucchiai e andiamo alla scoperta del mondo infinito dei sapori.

Marina Nunziato 2

Marina Nunziato è nata nel 1959 e vive in Abruzzo. Nel 2009 ha lasciato il suo lavoro di assistente in un ambulatorio pediatrico per dedicarsi interamente alla scrittura. Ha scritto due romanzi dal titolo “Con tutto il cuore che mi è rimasto” e “Nel mio cuore un milione di stelle” accolti con grande interesse dal pubblico e dalla critica.

La capienza infinita del cuore: incontro con la scrittrice Marina Nunziato

Marina Nunziato 2

Il mio incontro con la scrittrice Marina Nunziato.

Ciao carissima Marina, benvenuta sul mio blog, Liberi libri e non solo: parliamo del tuo incontro con la scrittura, giunto come una sorta di illuminazione lungo il cammino, per te…

Grazie a te e ai tuoi lettori. Sin da piccola per sfuggire a una vita troppo stretta per la mia indole leggevo. I libri, mi facevano sentire libera di varcare i confini che la mia condizione sociale delineava per me. E scrivevo poesie ogni volta che mi sentivo amareggiata o impotente di fronte alle tante ingiustizie a cui assistevo. La morte di mia figlia Laura ha modificato la mia vita e niente da allora è stato più lo stesso e ho scoperto che la scrittura è l’unico filo che mi lega a lei e che mi conduce fuori dall’ordinario. La penna è diventata il mio sesto senso tanto che tutto ciò che scrivo viene categoricamente scritto con una semplice Bic blu, come quella che usavo da bambina. Una penna blu che tra le mie mani diventa una bacchetta magica che illumina la mia vita e quella di chi sa ancora credere alle fiabe.

Il tuo rapporto con la lettura: quali sono i tuoi autori preferiti?

Il mio rapporto con la lettura pertanto è come quello che una innamorata riserva al suo amato. Leggo di tutto, non giudico mai gli scrittori in maniera negativa perché so che a volte basta una sola frase a rendere interessante un libro. I miei autori preferiti sono Charlotte Bronte,Dostoevskij, Pirandello, Kafka, Leopardi e Ungaretti.

Il tuo nuovo romanzo, dal titolo “Nel mio cuore un milione di stelle”  (Falzea Editore) rappresenta un vero e proprio viaggio che tu hai compiuto nella tua storia e nel tempo: com’è nata la sua stesura?

I miei due romanzi sono uniti dall’amore e racchiusi in un unico cuore. Essi parlano di un amore inossidabile, incorruttibile che può nascere solo dal cuore di una madre. Io l, sono madre fin nelle ossa e neppure la morte può vincere sui sentimenti che nascono dal mio cuore.

Con tutto il cuore che mi è rimasto” è il tuo precedente romanzo: il cuore e Laura unisce il primo romanzo al secondo…

Nel mio cassetto ci sono riposti tre romanzi da pubblicare, ma in questo momento sto preparando un progetto che sosterrà i bambini bisognosi.

Come facciamo a seguirti?

Potete seguirmi sulle pagine ‘ Con tutto il cuore che mi è rimasto ‘ e ‘Il salottino di Marina’ . Vi aspetto per scambiare idee e opinioni.

Siamo in chiusura, Marina, grazie di essere stata con noi: lascia un messaggio ai nostri lettori…

Grazie di cuore a tutti!

ILARIA GRASSO

Recensione: Nel mio cuore un milione di stelle, di Marina Nunziato

marina-nunziato-2

Nel mio cuore un milione di stelle (Falzea Editore) di Marina Nunziato è un libro davvero speciale, fatto di tante storie in una storia, milioni di storie, dentro una storia sola: la protagonista, il vero filo conduttore, del romanzo/raccolta di racconti, da anima sensibile e da attenta osservatrice, raccoglie i volti e le espressioni in un susseguirsi in vortice di fotogrammi ed ogni personaggio ha dentro sé i suoi sogni, la propria storia, esattamente come i vecchi ospiti di Villa Letizia, oppure come la giovane parrucchiera ucraina, o ancora, la bulimica Alessandra, in conflitto eterno con i suoi che non hanno i mezzi opportuni per comprenderla: sullo sfondo sta un Natale eterno, come espressione dell’unica stagione che l’anima romantica conosce, un Natale fatto di palline e luminarie, tra la neve, le aspettative, il Natale dei figli e delle madri, quindi dei grandi come dei bambini, un Natale che è uguale ad ogni latitudine, perchè fatto dal cuore per il cuore.

E l’altra magia del libro è lo scorrere del tempo dall’indietro e in avanti e viceversa, tra i ricordi custoditi del passato e le aspettative stesse per il futuro dei suoi protagonisti, un coro d’anime.

E il cuore di Marina Nunziato autrice è casa albergo per queste numerose anime, anime che poi lei provvede a imprimere, eternamente, sulla carta, nei suoi libri, e in questo libro, poi, in particolare, messe insieme in un mosaico di visioni che empaticamente finiscono a legarla con ciascuna anima, di chi è descritto dentro al libro e di chi lo legge.

ILARIA GRASSO