“Che te ne fai di un cielo senza stelle?” di Alessio Poeta – Recensione

COVER-POETA-OK

“Che te ne fai di un cielo senza stelle?” è il romanzo di  Alessio Poeta, scrittore ed articolista per diversi importanti siti di informazione, e, tra questi, Gay.it e Dagospia, dove è presente, appunto, con numerosi articoli ed interviste a personaggi famosi, con cui Alessio discorre di ogni argomento.

Questo suo primo romanzo, che si legge molto piacevolmente, narra le vicende di Valerio Falabella, ragazzo romano pieno di belle speranze e di entusiasmo che, nell’arco di una giornata sola, giunge a perdere tutto: il fidanzato storico, Michele, traditore seriale, e il suo lavoro come commesso in un noto negozio di abbigliamento della città.

Deluso dall’amore e dal lavoro, Valerio si sente come se non avesse alcuna via di uscita, ma la via di uscita gli viene offerta, su un piatto d’argento, dalle amicizie che non lo abbandonano, nemmeno in un momento così difficile per lui, così la sua amica Pamela, una soubrette con un amante autorevole (un noto senatore italiano), gli organizza un colloquio presso una famosa emittente televisiva milanese.

Valerio viene preso per quel lavoro del tutto nuovo per lui, dove ha modo, anche, di mettere a frutto la sua laurea, un lavoro, appunto, come autore televisivo, e inizia, così, la sua nuova avventura milanese, con un nuovo amore, anche, e delle nuove amicizie, tra cui l’imponente Swami, transessuale non operato e sua deliziosa coinquilina, senza dubbio, un personaggio dal quale rimanere profondamente attratti – per svariate ragioni che leggendo capirete – fino alla fine del libro.

Personalmente questo libro, a me, è molto piaciuto: è piaciuto il modo leggero con cui ogni vicenda, anche la più impegnativa, viene raccontata, mi è piaciuta l’ironia con cui procede la narrazione, la descrizione delle scene che consente, al lettore, di calarsi completamente nei fatti, come se fosse, egli stesso, protagonista.

La storia si legge molto scorrevolmente e il finale è, a mio avviso, aperto, probabile preludio (questo, però, bisognerebbe chiederlo all’autore) ad un nuovo libro e, quindi, ad un nuovo capitolo della storia del giovane Valerio Falabella che, in fondo, di valori come l’amore e l’amicizia, dentro alla sua vita, non ha mai dubitato.

Un libro che a me ha fatto passare tre ore piacevolissime e che, per questa ragione, vi consiglio di leggere.

LINK PER L’ACQUISTO:

ILARIA GRASSO

“Dimmi di noi”, il romanzo di Rebecca Quasi: RECENSIONE

dimmi di noi cover

In “Dimmi di noi”, il romanzo di narrativa contemporanea che continua ad essere Best Seller su Amazon da parecchi mesi, l’autrice, Rebecca Quasi, affronta il delicato tema della maternità da sole, attraverso la fecondazione assistita, e lo fa senza retorica, senza emissione di facili giudizi e, soprattutto, con delicatezza.

In questo romanzo, che, personalmente, definisco avvincente, sono affrontate anche tematiche come l’adozione, la solidarietà tra i componenti di una famiglia allargata, la scelta della solitudine ritenuta come scudo contro la paura di soffrire, e la possibilità di lasciarsi andare nell’amare, accettando i propri umani limiti.

Joe, Miriam ed Esther sono gli assoluti protagonisti della vicenda e tutti intorno stanno gli altri personaggi, intrisi della loro varia umanità, forti, ognuno, delle proprie peculiari caratteristiche.

Un romanzo che non manca di stupire il lettore, un romanzo che reca in sé un messaggio positivo e di speranza, secondo il quale è ancora possibile credere ai buoni sentimenti e dedicarsi ad essi, ma soltanto a patto di riconoscere, con sincerità, i propri limiti e le proprie umane necessità.

Lo consiglio.

Di seguito il link per potere scaricare il libro su Amazon:

 

ILARIA GRASSO

Incontro con lo scrittore ed editore Alessio Masciulli

ale-e-ale

Oggi ho ospitato sul mio blog il mio amico, scrittore ed editore, Alessio Masciulli, che si è raccontato in una piacevolissima chiacchierata e ci ha parlato della sua nuova avventura che prende inizio proprio in questi giorni: l’avvio della attività della sua neo-nata Casa Editrice, che porta il suo nome, appunto, Masciulli Edizioni.

Ciao Alessio, ben venuto sul mio blog LIBERI LIBRI E NON SOLO, parliamo di “Credi in me”, il tuo nuovo romanzo, pubblicato da Edizioni Il Viandante, libro che sta riscuotendo un grande successo: com’è nata questa tua nuova storia, in cui amicizia e musica si uniscono, come scudo da innalzare alle insidie del mondo e della vita? Quanto c’è in te, dei due ragazzi protagonisti?

Come tutti quelli che scrivono libri rispondo che non c’è nulla di me però poi credo che nessun autore si privi del piacere di inserire qualche sua caratteristica in un personaggio, forse io assomiglio alla segretaria del protagonista Stefano che ha un grande coraggio e voglia di aiutare qualcuno che… beh dovete leggere il libro.

cim

La musica e l’amicizia, realmente possono salvarci, secondo te?

Le emozioni belle possono salvarci sempre e sia la musica che l’amicizia lo sono. L’unica differenza è che la musica non ci potrà mai fare del male, mentre gli amici, se poi si rivelano falsi, si.

cim-2

Ho letto che a marzo uscirà un tuo nuovo romanzo: vuoi darci qualche anticipazione?

In realtà uscirà a Maggio perché lo voglio far coincidere con il mio compleanno e ho spostato la data. Sarà un saggio poetico sui rapporti umani. Poesie e brevi racconti di vita che mescolandosi danno spunti di riflessioni.

masciulli-edizioni

In questi giorni hai mosso i tuoi primi passi per una nuova, fantastica, avventura, creando la tua casa editrice non a pagamento, che porta appunto il tuo nome, Masciulli Edizioni: come ti senti?

Mi sento carico come ogni mia nuova iniziativa. Guai a perdere l’entusiasmo nel fare le cose, diventeremmo tutti automi comandati e siccome già ce ne, sono tanti meglio evitare. Aprire una casa editrice è un grande impegno ma sento che non sono solo.

Chi volesse pubblicare con te, cosa deve fare?

Semplice, mi contatta, mi propone il suo lavoro editoriale, lo leggo e insieme all’autore decidiamo le strategie per iniziare il cammino al meglio, se ci troviamo in linea e il testo si presenta buono si parte. Chi mi conosce sa l’energia che metto nelle cose che amo e promuovere libri è il mio secondo amore. Il primo… bhe immagina tu qual è.

cim-4

Come facciamo a seguirti?

Potrei lasciare delle briciole ma se ci sono dei passeri affamati in giro resto solo… dai scherzo, sono sui social un po’ ovunque con il mio nome e cognome e tra poco lancerò il nuovo sito. In ogni caso chi volesse proporre un manoscritto può contattarmi a questa mail masciulliedizioni@gmail.com, grazie a tutti.

cim-3

Siamo in chiusura, carissimo Alessio, grazie per essere stato con noi: lascia un messaggio ai nostri lettori…

Ragazzi non fatevi fregare da nessuno, siate buoni e onesti perché così vi vorranno bene in tanti che tanto la cattiveria colpisce solo a chi la lancia per prima, e poi mi raccomando, sempre positivi!

ILARIA GRASSO

Note: Nella foto in alto, Alessio Masciulli è con la pittrice Alessia Pignatelli, che ha realizzato la copertina del romanzo “Credi in me”

Althea, romanzo di Stefania Mortini – Recensione

mortini

Althea, il romanzo di Stefania Mortini, è una storia d’amore ma soprattutto è una storia di vita, una vita che noi tutti potremmo, ad un certo punto, trovarci a vivere: un’esistenza fatta di colpi di scena, colpi di scena intesi nel bene quanto nel male, quale può essere, ad esempio, un lutto improvviso, la perdita, appunto, di una persona amata, e, nel bene, quale può essere, invece, un sentimento piovuto dentro al nostro cuore all’improvviso.

Althea si snoda attraverso la vicenda, in primo luogo, della bellissima Irene, ragazza di provincia che ignora completamente le sue potenzialità di giovane donna, avvenente, risoluta e tenace, un personaggio che ci parla, appunto, in prima persona, e alla quale finiamo di sentirci legati praticamente da subito, sin dalle prime pagine del romanzo, Irene, una ragazza fragile e forte, un fiore d’acciaio che torna a fiorire nel cuore di Milano, attraverso un nuovo lavoro e con una nuova esistenza.

Irene è, di fatto, ognuno di noi, ognuno di noi con le sue debolezze ed i suoi punti di forza, un caleidoscopio di sentimenti e di desideri, ma anche di paure e di fragilità.

Althea è anche una storia incentrata sul miracolo dell’amicizia e della condivisione, e non soltanto su quello dell’amore: in Althea si esprime anche la possibilità concreta di riuscire ad amare qualcuno, nella vita, con i suoi chiaroscuri, perchè non esiste un amore che possa dirsi perfetto, così come non esiste un’amicizia che possa dirsi perfetta, per l’appunto.

Althea è la storia d’amore tra Alberto ed Irene, due personaggi apparentemente lontani tra loro, ma, nel concreto, vicini, per sensibilità e per vissuto, come solo leggendo potrete scoprire, e, attorno ad Alberto ed Irene, ruotano una serie di altri personaggi che solo in apparenza possiamo definir secondari, come, ad esempio, la madre, la cognata e la nonna di Irene, come suo fratello,e  come Serena alla gestione dell’Althea e come lo stesso impeccabile Mohamed, fragile anch’egli, nonostante la sua imponenza in fatto di fisico: ognuno di loro è un personaggio che riconosciamo tra quelli che ruotano nelle nostre stesse vite e che popolano le nostre giornate, nel quotidiano: in fondo ognuno di noi ha un “uomo lampadario” che fa parte della sua vita, qualcuno che si mostra vittima, appunto, delle proprie ossessioni, e forse “uomo lampadario” siamo forse anche noi.

Althea è un libro da leggere, per la storia ed il garbo, uniti alla raffinatezza, in cui si snoda la vicenda, pagina dopo pagina, attraverso le assai minuziose descrizioni che ci catapultano letteralmente nell’ambiente lussuoso dell’Althea, locale esclusivo di una Milano da bere (la famosa che ricordiamo dagli Anni 80), ma anche di una Milano restia a perdonare, restia a perdonarci le nostre fragilità umana.

L’Autrice

Stefania Mortini nasce in provincia di Pavia nel 1979 e sin dalla prima elementare si evince che ha un’innata fantasia. Alle scuole medie i genitori vengono ripetutamente chiamati dal professore d’italiano poiché loro figlia non si limita a far temi, ma già li suddivide in capitoli come se fossero tesine, generando decine di pagine, che ovviamente non riescono mai ad esser letti per intero data la lunghezza. Si specializza nell’ambito grafico ma la sua passione sfocia in una miriade di lettere dedicate, distribuite ad amici e parenti e un paio di libri mai pubblicati. Il desiderio di scrivere romanzi esplode una notte, quando alle prese col suo ultimo nato che non vuol dormire, comincia a passare il tempo buttando giù una storia, che ben presto si trasforma nel suo primo romanzo di ben 512 pagine. Stefania è una sognatrice, una visionaria che con i suoi scritti ha deciso di mettere un pezzo del suo cuore sul mercato.

 

ILARIA GRASSO

LINK PER L’ACQUISTO:

Recensione: Il poster di New York, di Tamara Brazzi

tamara-brazzi

Il romanzo di Tamara Brazzi dal titolo “Il poster di New York” (Ibiskos Editrice Risolo) si incentra su una trama che affascina, si lascia leggere molto velocemente, trasmettendo un messaggio di forte positività nei riguardi della vita, quella positività che dovrebbe accompagnarci sempre, anche nonostante tutto, nonostante la solitudine, la vecchiaia, il tempo che avanza, le speranze disattese.

E’ una storia di complicità ed amicizia, al femminile, le cui protagoniste superano le barriere anagrafiche che potrebbero essere per loro motivo di separazione: Claudia è una ragazza molto giovane, mentre Margherita ha 85 anni, ma lo spirito è uguale, poichè entrambe hanno voglia di vivere e di realizzare i sogni nascosti in fondo al loro cuore.

Ad unirle è un viaggio, nella Grande Mela,  New York, la città magica, dove tutto sembra possibile, dove ogni sogno si avvera.

E la magia è che si rimane incollati a leggere questo romanzo dalla prima sino all’ultima pagina, in una girandola di emozioni che solo la vita vera, su cui si fonda la storia, regala.

 

ILARIA GRASSO

Giù nella miniera, di Igor De Amicis e Paola Luciani: recensione

giu-nella-miniera

La storia spiegata ai ragazzi dai ragazzi, questo è “Giù nella miniera”, di Igor De Amicis e Paola Luciani, pubblicato da Einaudi Ragazzi: la tragedia di Marcinelle dell’8 agosto 1956, che ha cambiato la storia degli italiani all’estero, vissuta attraverso gli occhi di un gruppo di giovanissimi, italiani e belgi, compagni di giochi, ed esempio tangibile di come si può abbattere ogni presunta ed arrogante differenza, attraverso la condivisione.

Il sogno di una famiglia, quella del piccolo Fulvio, di sua madre e di suo padre, emigrati in Belgio per poter “fare i signori” e con loro di tantissimi altri italiani, l’onta delle discriminazioni subite in una terra per la quale lavoravano ma che gli era ostile, i cartelli offensivi all’entrata dei negozi: Fulvio vive ogni cosa sulla pelle sua, ma trova il conforto di amicizie vere, amicizie che prescindono dal paese di appartenenza, con quell’impeto di sincerità e spontaneità che si innesca solo tra i ragazzi e giovanissimi.

“Giù nella miniera” nasce come un libro per ragazzi, ma è destinato veramente a tutti, perchè fa riflettere anche noi adulti, sulla vicenda storica di Marcinelle in senso stretto e sul ruolo globale dei migranti in senso lato e in ogni epoca storica, e la tragedia belga si riveste anche oggi di grande attualità, portando con sé il messaggio, in questa opera, che solo l’amicizia, il comune sentire e la condivisione abbattono ogni pregiudizio.

ILARIA GRASSO