QUANDO UNA RICERCA DISPERATA DIVENTA L’UNICO MOTIVO PER CONTINUARE A VIVERE: “OVUNQUE SEI”, DI DANIELA QUADRI – RECENSIONE

ovunque sei cover

Ho avuto il piacere di leggere il nuovo thriller giallo di Daniela Quadri, dal titolo “Ovunque sei”, arrivato dopo l’altro suo bellissimo lavoro letterario, “Le stelle di Sebrenica”, entrambi pubblicati da Project per Leucotea Edizioni.

“Ovunque sei” è il secondo capitolo delle indagini di Marta Valtorta, giornalista freelance che, appunto, qui è alle prese con il misterioso rapimento del piccolo Simone: accanto a lei, ancora una volta, troviamo il verace fidanzato napoletano, il carabiniere Tony Nardone, per il quale Marta, con il suo modo di fare, rappresenta la croce come pure la delizia, Marta, animata dalla voglia incontenibile di giungere alla verità dei fatti, Marta, a volte crucciata dalla presenza costante di Raffaella, ex fidanzata e collega di Tony.

Tanti segreti si snodano, dunque, durante la narrazione di questa nuova storia di Daniela Quadri, narrazione che procede tra passato e presente, grazie al salto indietro nel tempo, compiuto per via del diario di Paolina, l’anziana zia di Marta, a cui la giovane donna è legata in modo profondo: il diario di Paolina parla di donne, donne vissute nell’epoca relativa alla seconda Guerra Mondiale, donne fragili e forti, al tempo stesso.

Daniela Quadri II

Un altro personaggio chiave della storia è Adele, disperata e sola, con il solo conforto ed il supporto di Tony Nardone, l’unico che le sia rimasto accanto, l’unico ancora a credere che il piccolo Simone, il figlio misteriosamente scomparso della donna, possa trovarsi ancora in vita, nascosto chissà dove: e le speranze, così come le paure, di Adele, rappresentano le speranze e le paure di ogni madre, ogni madre che sia alla ricerca disperata del proprio figlio, ricerca che diventa, a un certo punto, l’unico motivo per continuare a vivere, in quel buio profondo.

Marta è, in realtà, la vera protagonista di “Ovunque sei”, Marta con la sua voglia di agire e la caparbietà nel far chiarezza nelle cose, e con le sue paure, lecite, di donna innamorata e, quindi, fragile.

Un libro, “Ovunque sei”, che si lascia leggere con grande piacere e con suspense, con la voglia di andare sempre avanti, fino a raggiungere, poi, l’epilogo finale.

Attendiamo impazienti come siamo, da fedeli lettori di Daniela Quadri, la terza indagine di Marta Valtorta con Tony Nardone, certi che non mancherà.

ILARIA GRASSO

 

 

Annunci

S’INTITOLA “SPORCA L’ANIMA”, IL NUOVO LIBRO DI LAURA GORINI

11 tagliata

Laura Gorini, classe 1982, è addetto stampa per personaggi del mondo dello spettacolo, aziende, marchi e fiere.

Diplomatasi al Liceo Classico Paritario “Cesare Arici” di Brescia, ha poi ottenuto il diploma di laurea in Scienze e Tecnologie delle Arti dello Spettacolo presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore, sede di Brescia.

Ha iniziato giovanissima il suo percorso nel mondo della scrittura e della comunicazione per poi approdare qualche anno fa a quello della promozione.

Gorini-facebook

Io ho incontrato Laura Gorini per LIBERI LIBRI E NON SOLO in occasione dell’uscita del suo nuovo libro, in formato ebook, dal titolo “Sporca l’anima”, pubblicato da Aloha Edizioni.

Ben trovata su LIBERI LIBRI E NON SOLO, carissima Laura: com’è nata l’idea di questo libro, dal titolo “Sporca l’anima”?

In realtà non esiste un’ idea puntuale e precisa in base e grazie alla quale è nato questo testo che è cresciuto dentro di me, come se fosse un figlio, giorno dopo giorno senza che io me ne fossi resa conto.

Da una frase, una parola, o meglio dal semplice ma nel contempo complesso titolo, decisamente a effetto (e anche qui non è stata una scelta voluta), ha iniziato a muovere i suoi primi passi. Ho cercato di non forzarmi durante la sua stesura perché – sebbene non sia un testo lungo – è certamente molto articolato, oltre che intimo e profondo.

Non è dunque qualcosa che potessi scrivere- come si suol dire – “alla leggera” perché Emily, questo è il nome della sua indiscussa protagonista, è una giovane donna che merita assolutamente la mia più totale e devota attenzione. Quando parlo di lei- o meglio- quando parlo con lei io non posso distrarmi: in quei momenti lei diventa “il mio tutto” e io un tutt’uno con lei, sebbene io sia in realtà molto diversa da lei sia fisicamente sia caratterialmente.

Perché “Sporca l’anima”?

Perché quando stiamo male e soffriamo tanto non è il cuore o la mente a sanguinare ma è l’ anima! Ella è qualcosa di intimo e di profondo che dobbiamo cercare di salvaguardare e di proteggere con rispetto, riverenza e amore. E quando la sentiamo sporca non riusciamo più a vivere la nostra vita, o forse ci illudiamo di farlo, quando invece stiamo sopravvivendo! Ma sopravvivere non è vivere!

Questo libro, pubblicato in formato ebook il 2 Ottobre 2017, da Aloha Edizioni, può rappresentare lo sfogo, una sorta di catarsi, per tutte le donne che hanno subito violenze, fisiche e/o psicologiche: sei la loro portavoce, qui…

Non credo che sia giusto che io mi elegga portavoce di qualcosa. Io sono semplicemente una donna che ha voluto narrare tramite un monologo dai tratti squisitamente teatrali il dolore lacerante di chi teme di avere- per l’ appunto- l’ anima sporca, quando in realtà non è così! Sono gli altri che le hanno fatto credere ciò!

35

E’ vero che pensavi a questo libro da tanto tempo?

Diciamo che le sue prime bozze sono rimaste nel mio pc per molto tempo. Poi, pian piano, da bozze sono diventate qualcosa di più concreto fino ad arrivare alla creazione di un testo vero e proprio, o meglio di un e-book.

Progetti scrittorii per il futuro?

Sto lavorando sia da sola sia con il mio compagno Damiano Conchieri che ha tra l’ altro anche illustrato “Sporca l’ anima”, a molti progetti a carattere multimediale ed alcuni di essi metteranno al centro miei testi letterari.

CopertinaGorini

Come facciamo a seguirti?

Mi trovate con facilità su Facebook, Linkedin, Instagram e Twitter.

Lascia un messaggio ai nostri lettori…

Credete sempre in voi stessi, amatevi e rispettatevi e soprattutto vivete le vostra vita!

 ILARIA GRASSO

SEGNALAZIONE: “COSE CHE TI FARANNO FELICE”, DI AERNESTINE DOGVILLE

Cose che ti faranno felice

TITOLO: Cose che ti faranno felice: Piccola guida per vivere giorni migliori

(Collana: I piccoli manuali per sentirsi bene)

AUTRICE: Aernestine Dogville

EDITORE: Self Publishing

FORMATO: ebook

COSTO: 0.99 euro

INCIPIT:

Quante volte ti sei chiesto cos’è la felicità e cosa rappresenti, per te, la felicità?

Quante volte sei riuscito a darti una risposta che fosse sensata?

Forse nemmeno lo ricordi più…

Eh, già, è passato tanto tempo, quando ti sei posto questa domanda, e, soprattutto, è passato tanto tempo dall’ultima volta che sei stato felice, o, perlomeno, dall’ultima volta in cui ti è sembrato di esserlo.

Felice. Felice a tal punto da non riuscire a credere, di essere felice.

LINK PER L’ACQUISTO SU AMAZON:

“ETERNI SECONDI” E’ IL ROMANZO A TRE TEMPI DEL CANTAUTORE LUCA BONAFFINI

Luca Bonaffini 3

“Eterni secondi” è un romanzo a tre tempi, ingannevole e mutante, strutturato come un lungometraggio a episodi degli anni ’70 e avente come filo conduttore il tempo e le sue avversità numeriche. Secondi si nasce, non si diventa e lo si resta per l’eternità, con tutti i vantaggi che offre la posizione “non illuminata” del non essere mai tra i primi.

“Cattivi romantici”, “L’internauta”, “La notte in cui spuntò la luna dal monte” – scritti tra il 2011 e il 2017 – sono tre facce dello stesso orologio. Tre racconti apparentemente lontani, ma in realtà accomunati da quel romanticismo maldestro tipico della scrittura bonaffiniana e dei suoi personaggi spesso teneri, fastidiosi e surreali, che ritraggono le fragilità, la tenerezza e il cinismo della società contemporanea. E per un mantovano doc, gastronomicamente parlando, i “primi” di solito fanno la differenza….

Luca Bonaffini è nato a Mantova nel 1962. Compositore di musiche e autore di testi per canzoni, ha realizzato dodici album come cantautore e si è affermato intorno alla fine degli anni ‘80 come collaboratore fisso di Pierangelo Bertoli. Altri suoi brani sono stati interpretati da Patrizia Bulgari, Flavio Oreglio, Sergio Sgrilli, Fabio Concato, Nek, Claudio Lolli e ha scritto testi teatrali insieme a Enrico Ruggeri e Dario Gay. Nel 2015 Mario Bonanno ha pubblicato un libro-intervista dedicato ai suoi trent’anni di carriera, intitolato “La protesta e l’amore. Conversazioni con Luca Bonaffini” (Gilgamesh editrice)”. Insegna Storia della Popular Song presso Musica Insieme di Mantova e tiene seminari di alta formazione internazionale presso la Hope Music School.

http://www.lucabonaffini.it

LA DIMENSIONE UMANA DEGLI EROI, IN “LACRIME DI SALE”, IL PRIMO CAPITOLO DELLA TRILOGIA “ANGELS” DI BARBARA S. SANLEY

Angels cover

Shanya potrebbe condurre una vita normale, probabilmente anche felice, se una serie di eventi, fortemente connessi anche alla sua origine, non giungessero, come un vero terremoto a sconvolgerne l’esistenza.

Giovane infermiera, appena laureata, ed impiegata presso una prestigiosa clinica di Londra, intreccia anche una relazione sentimentale con il direttore sanitario della struttura, una relazione che, inizialmente, si presenta soddisfacente.

Nessun motivo, dunque, per coltivare ombre dentro di sé, e, di fondo, un fortissimo legame con il padre, che cela un inconfessabile segreto.

Nulla che possa far presagire tempeste e grandi scossoni, per Shanya, fino a quando il vento del cambiamento, ad un certo punto, arriva, inevitabile, nella vita di Shanya, sotto le vesti, inizialmente, di un nuovo amore e, con lui, una nuova missione da condurre, una missione che caratterizzerà l’esistenza di Shanya da allora in avanti, quella di Angelo, creatura posta a metà tra il cielo e la terra, investita, come gli altri angeli, suoi colleghi, dalle varie personalità e sfumature, del compito di riportare su questa terra la giustizia, e riportarla con mezzi non perfettamente leciti.

La storia di Shanya in Lacrime di Sale, che è solo il primo capitolo di una trilogia, denominata Angels, ci trascina con sé sin dalle prime pagine: è come se questa opera prima di Barbara S. Sanley fossero, in realtà, due storie in una, con un registro narrativo iniziale – che fa pensare ad un romanzo appartenente al genere contemporaneo – a cui segue, per mezzo di una serie di numerosi quanto inaspettati colpi di scena – un secondo registro narrativo, una vera e propria storia fantasy che ha il pregio, fondamentalmente legato all’abilità scrittoria dell’autrice, di essere, seppure fantasy, completamente ambientata nei giorni nostri, nella realtà che, appunto, viviamo quotidianamente, e Shanya, come tutti gli altri personaggi della storia, è un’ eroina a metà, come del resto siamo pure noi, in quanto dotata di poteri straordinari a cui fanno, però, da contraltare, le paure quanto la stessa fragilità umana.

Shanya, giovane donna con le sue insicurezze e, al tempo stesso, con la sua grande forza, è un fiore d’acciaio, donna contemporanea, che vive combattiva e, allo stesso tempo, combattuta tra la volontà di amare e quella di lottare per il bene altrui, prima come infermiera e poi come Angelo, e sarà proprio l’amore che la resusciterà ad una nuova vita, e questa sua resurrezione avverà in un cimitero, paradossalmente, dove la giovane donna sarà investita, appunto, di una missione per la vita.

Alla fine del libro, che si legge con avidità e con grande partecipazione emotiva, viene subito voglia di leggere il secondo capitolo della trilogia, secondo capitolo che uscirà, a suo tempo, e al quale l’instancabile autrice sta già lavorando alacremente.

Una lettura certamente consigliata, Angels – Lacrime di sale, un fantasy differente, un fantasy che non trascura la dimensione umana dei suoi protagonisti e, personalmente, credo che risieda proprio in questo dettaglio la forza della storia, personalmente credo che sia proprio questa, la caratteristica che fa la differenza.

La magia del Salento nel primo romanzo di Antonio Di Muzio

Antonio Muzio

Il mio incontro con lo scrittore Antonio Di Muzio, per parlare del suo nuovo libro, dal titolo Incantesimo Salentino.

Bentrovato, carissimo Antonio, la tua estate è stata contrassegnata dall’uscita del tuo nuovo libro, nonché il tuo primo romanzo, dal titolo Incantesimo Salentino: un atto d’amore che sentivi di dovere a una terra molto cara, per te…

Su quali elementi si basa il tuo legame d’amore con il Salento?

Il legame si basa su alcuni aspetti di questa terra magica: la luce, prima di tutto. In nessuna parte d’Italia c’è questo accecamento. Un accecamento che spiazza e che fa vedere tutte le cose che hai attorno in modo diverso. Tanto che alle volte quello che vedi in modo abbagliato lo puoi confondere con il sogno o l’immaginazione.

Questo tuo primo romanzo è un viaggio geografico, interiore e musicale: la musica è, assieme alla vicenda del giornalista Davide Tommasi, l’altra grande protagonista del tuo nuovo lavoro letterario…

Nel romanzo sono inseriti i testi di 18 classici di musica rock e pop italiano. Inoltre ho inserito prima del prologo una parte di un testo di una canzone, “Fantasie”, di un bravo cantautore brindisino, Stefano Ventruto, molto attivo anche in Abruzzo. I testi, tra cui quelli dei Led Zeppelin, Genesis, Queen, Patty Smith, Beatles, Pink Floyd, Santana…, si inseriscono nel romanzo per fornire dei “segnali” su ciò che è accaduto o su ciò che sta per accadere. Un po’ come il coro nella tragedia greca che faceva da collante tra le varie scene. Del resto il romanzo è anche un thriller con continui colpi di scena.

Antonio Di Muzio 4

Come mai la scelta di scrivere un thriller, dai forti connotati introspettivi e psicologici?

Il romanzo in realtà è un viaggio metaforico, anche se il lettore, volendo, può seguire le orme dei personaggi nei vari paesi del Salento per scoprire leggende, tradizioni, luoghi. Potrebbe essere una guida turistica sulle tracce dei misteri e leggende del Salento. Nelle prime pagine, infatti, c’è anche una mappa del Salento con tutti i luoghi che verranno toccati dai protagonisti. È comunque anche un viaggio introspettivo perché in un certo momento della vita abbiamo bisogno di fare un punto. Capire tutto quello che ci è accaduto. Sono un appassionato di psicanalisi e quindi volevo viaggiare a ritroso nella mia psiche per prendere coscienza e per riepilogare le tappe del mio viaggio in questo mondo

Il lettore sta col fiato sospeso, praticamente, fino all’ultima pagina…

Il romanzo è anche un giallo, anche se alla fine non viene scoperto nessun colpevole o assassino. Il protagonista Davide Tommasi, giornalista, si ritrova catapultato in Salento per preparare un reportage sulle leggende del Salento dopo la scoperta del busto della Minerva a Castro Marina. Fatto realmente avvenuto nel luglio del 2015. Da questo punto, insieme a una sua vecchia compagna dell’Università, la misteriosa Daria Brezzi, si ritroverà di fronte (e poi a scrivere per il giornale) a casi di cronaca nera che incredibilmente collimano con le leggende tramandate in chiave moderna. In tutto questo verrà aiutato anche dal terzo protagonista, Aurelio il sensitivo, una specie di Virgilio per Dante, che gli farà capire e compenetrare la magia del Salento. «Una terra che ti attrae e poi ti stritola in un abbraccio fatale».

Antonio Di Muzio 3

Le figure femminili del tuo romanzo, altri tasselli importanti della storia…

Sono basilari. Daria, prima di tutto, la Dea Minerva, e tante altre protagoniste di leggende: donne e bambine. Sono quasi tutte figure femminili quelle che si ritrovano nel percorso di Davide che alla fine viene “incatenato” al suo destino ineluttabile inseguendo una civetta incastonata in una medaglia.

Progetti letterari per il futuro…

Probabilmente il seguito di Incantesimo Salentino. In molti che lo hanno letto lo chiedono anche perché il finale è un po’ sospeso. Potrebbe essere il primo di una serie del giornalista detective, aiutato da personaggi che hanno doti straordinarie. Semmai ambientati in altre regioni d’Italia. Potrebbero nascere Incantesimo Etrusco, Incantesimo Siciliano, Incantesimo nei Laghi, Incantesimo Capitolino… Chissà, è tutto da vedere, ma mi piacerebbe.

Antonio Muzio 2

Come facciamo a seguirti?

Ho raggiunto ormai le venti presentazioni e altre sono in programma in Umbria, in Veneto, nelle Marche, chiaramente in Salento. Insomma continuo a viaggiare. Il libro può essere acquistato in alcune librerie ed edicole d’Abruzzo e Puglia. Comunque può essere ordinato via Internet su Ibs, Amazon, Mondaori Store e Libreria Universitaria oppure direttamente dall’editore Ricerche&Redazioni di Teramo.

Antonio Di Muzio 5

Grazie per essere stato mio ospite, Antonio: prima di chiudere, lascia un messaggio ai nostri lettori…

Se siete dei sognatori a occhi aperti e volete compiere un viaggio immaginario, ma allo stesso tempo reale e magico, potete tuffarvi nel vortice di Incantesimo Salentino. Resterete vittime di una “macaria”, un sortilegio che vi stritolerà magicamente.

ILARIA GRASSO

SEGNALAZIONE: “LA FEMMINILE ETA’”, DI AERNESTINE DOGVILLE

La femminile età cover

TITOLO: LA FEMMINILE ETA’

AUTRICE: AERNESTINE DOGVILLE

DATA DI PUBBLICAZIONE: 23 SETTEMBRE 2017

EDITORE: SELF

GENERE: RACCONTO EROTICO/LGBT

SERIE: BORDERLINE

PREZZO: 99 CENTESIMI

FORMATO: EBOOK

DISTRIBUITO DA: AMAZON

INCIPIT:

Non facevamo niente di male, per questo non facevamo altro che ripetercelo mentalmente, tutte le volte che ci sedevamo in disparte e, in assoluta confidenza e senza veli, io e Chiara incominciavamo a raccontarci le nostre più segrete fantasie.

Ognuna con la propria vita, ognuna con le proprie occupazioni quotidiane: io già madre di due bambini piccoli, sposata da un tempo che neanch’io quasi ricordavo più, lei ancora fidanzata, con un uomo così poco attento alle sue esigenze di donna molto giovane, e, per tale ragione, ancora profondamente curiosa della vita.

Io, dal canto mio, sentivo che nulla avrebbe potuto più sconvolgermi: del resto, prima di sposarmi e prima di incontrare Giorgio, mio marito, avevo avuto modo di conoscere molte cose, in modo da appagare, come meritasse, la mia curiosità.

LINK PER L’ACQUISTO SU AMAZON:

https://www.amazon.it/Femminile-Et%C3%A0-Racconto-Borderline-ebook/dp/B075VDLR7S/ref=sr_1_1?s=digital-text&ie=UTF8&qid=1506171441&sr=1-1