Incontro con il poeta pescarese Lucio Vitullo

lucio-1

Il mio incontro con il poeta pescarese Lucio Vitullo, per parlare della sua poesia e dei suoi progetti artistici futuri.

Ciao Lucio, benvenuto sul mio blog LIBERI LIBRI E NON SOLO: il tuo incontro con la poesia quando è avvenuto e, soprattutto, quando hai scritto la tua prima lirica?

Ciao Ilaria, grazie per avermi ospitato nel tuo blog. Ho cominciato a scrivere poesie nel 1990 ed in maniera del tutto casuale, perché ero innamorato di una mia compagna di scuola. In quel periodo appunto andavo ancora a scuola e ti confesso che non amavo imparare le poesie a memoria. Poi con il tempo è diventata parte integrante di me ed il foglio di carta era un po’ come un amico al quale confidavo i miei stati d’animo, gioie e dispiaceri.

Che cosa è cambiato, da allora ad oggi?

Allora scrivevo soltanto per esprimere i miei stati d’animo, non pensavo minimamente di rendere pubblico quello che facevo soprattutto perché per troppa timidezza mi vergognavo di dire che scrivevo. Ancora oggi la priorità è questa ma a volte mi capita di dover scrivere per eventi in cui si tratta una tematica particolare, quale quella della violenza sulle donne che mi sta particolarmente a cuore. E devo dire che non me ne vergogno più.

Quanto ti ha sostenuto e quanto ti sostiene, quotidianamente, la poesia?

Come ti dicevo per me scrivere è un po’ come confidarsi con un amico. Parlo soprattutto di fatti vissuti personalmente, belli o tristi che siano, e parlarne mi aiuta ad esorcizzare il malessere che a volte posso provare dentro. Ormai non posso più farne a meno, è diventata la mia compagna di vita.

Quanto è grande il bisogno di poesia, a tuo avviso, nella società attuale?

C’è una frase che recita così: bisogna vivere d’arte per non morire di realtà, concetto che sposo pienamente. La poesia, così come altre forme d’arte quali la pittura possono aiutarti a fuggire dalla realtà anche se non risolvono i problemi di una società in cui i valori materiali hanno ormai preso il sopravvento su quelli umani quali l’amicizia. Ma per un attimo ti fanno sperare che le cose possano cambiare.

lucio-4

Quanto ti ispira l’amore, nel comporre?

L’amore è stata e sarà sempre la mia 1° fonte di ispirazione. Dall’età dello sviluppo in poi cominciamo a fare tutto in funzione dell’amore perché secondo me è quello che muove tutto e che ci fa assumere determinati comportamenti. E’ la più importante fonte di vita che abbiamo. Non parlo solo dell’amore che ci può essere tra due persone, ma anche di amore per la vita e per tutto ciò che ci circonda e che va rispettato.

Hai ricevuto parecchi riconoscimenti e premi letterari importanti, ma scommetto che ogni volta è un’emozione nuova e fortissima, per te…

Proprio così e che sia primo o ultimo premio posso dire che l’emozione è sempre la stessa. Faccio molti concorsi perché mi da anche la possibilità di vedere posti nuovi e conoscere poeti e scrittori di altre regioni, con alcuni è nata anche una bella amicizia ed è sempre un’emozione rincontrarsi in qualche posto dell’Italia. Ecco posso dire che alla fine i premi più belli sono i rapporti che si creano anche se a volte sono a distanza.

Sei anche paroliere, nel senso che hai il titolo necessario per poter scrivere testi di canzoni: per chi ti piacerebbe scrivere una canzone?

Ho una forte ammirazione per Giusy Ferreri e Laura Pausini e poter scrivere per loro sarebbe una soddisfazione unica per me, ma chiunque mi proponesse di farlo sarebbe il benvenuto nella mia vita poiché la musica è l’altra mia grande passione dopo la scrittura. Ho avuto la possibilità di incontrare la Ferreri e regalarle i miei libri, chissà che un giorno magari…

lucio-2

“A piccoli passi” e “Acrostici e non… ” sono due raccolte di liriche a cui sei particolarmente legato: spieghiamo perchè…

Sono due piccole raccolte frutto di due partecipazioni a concorsi letterari. Sono legato in particolare ad “Acrostici e non…” perché è arrivato dopo il premio alla carriera ottenuto l’anno scorso al Premio Histonium di Vasto e perché rappresenta un po’ una svolta in quanto utilizzo una nuova forma poetica: l’acrostico, dove le prime lettere di ogni verso lette in verticale formano una frase. Praticamente il titolo lo si può leggere così. E nella 1° si possono leggere il mio nome e cognome.

Non tralasciamo, naturalmente, “Alla solita luce”, la tua raccolta di liriche di qualche tempo fa: cos’è la luce per te?

Alla solita luce” è l’ultima riga dell’ultima poesia dal titolo “Alla prima luce” che termina così: “Buonanotte mondo/a te ed ogni tua specie/ci vediamo domani, come sempre/alla solita luce”. E’ la luce dell’arte ma anche la luce di tutto quello che ho trovato negli ultimi 6 anni: tante soddisfazioni letterarie e tanti amici tra cui metto ovviamente anche te. E devo dire che questa luce mi ha cambiato totalmente la vita. Il desiderio di vita stesso è per me luce.

I tuoi progetti letterari per il futuro prossimo….

Sto organizzando un evento per il 1° aprile con la casa editrice Tracce in cui ci saranno tanti nomi tra cui spicca quello del poeta Davide Rondoni. Il 1° maggio parteciperò all’evento Florviva ed il 27 al Festival Rosadonna in cui presenterò la mia ultima raccolta. In programma c’è anche un evento all’Aurum dal titolo “Fuori dall’ombra progetto fotografico al femminile” in cui l’universo femminile sarà al centro. E ovviamente ancora tanti concorsi.

Dedica dei tuoi versi a chi ci ha seguiti sin qui…

Un sogno non vola stando sotto una coperta, perché spiega ogni sua ala soprattutto all’aria aperta”. E’ un invito a seguire sempre i propri sogni perché è meglio provarci e fallire che non averci provato per niente.

ILARIA GRASSO

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...