Giù nella miniera, di Igor De Amicis e Paola Luciani: recensione

giu-nella-miniera

La storia spiegata ai ragazzi dai ragazzi, questo è “Giù nella miniera”, di Igor De Amicis e Paola Luciani, pubblicato da Einaudi Ragazzi: la tragedia di Marcinelle dell’8 agosto 1956, che ha cambiato la storia degli italiani all’estero, vissuta attraverso gli occhi di un gruppo di giovanissimi, italiani e belgi, compagni di giochi, ed esempio tangibile di come si può abbattere ogni presunta ed arrogante differenza, attraverso la condivisione.

Il sogno di una famiglia, quella del piccolo Fulvio, di sua madre e di suo padre, emigrati in Belgio per poter “fare i signori” e con loro di tantissimi altri italiani, l’onta delle discriminazioni subite in una terra per la quale lavoravano ma che gli era ostile, i cartelli offensivi all’entrata dei negozi: Fulvio vive ogni cosa sulla pelle sua, ma trova il conforto di amicizie vere, amicizie che prescindono dal paese di appartenenza, con quell’impeto di sincerità e spontaneità che si innesca solo tra i ragazzi e giovanissimi.

“Giù nella miniera” nasce come un libro per ragazzi, ma è destinato veramente a tutti, perchè fa riflettere anche noi adulti, sulla vicenda storica di Marcinelle in senso stretto e sul ruolo globale dei migranti in senso lato e in ogni epoca storica, e la tragedia belga si riveste anche oggi di grande attualità, portando con sé il messaggio, in questa opera, che solo l’amicizia, il comune sentire e la condivisione abbattono ogni pregiudizio.

ILARIA GRASSO

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...